UN FILO DI FUMO…

“Milord…?”
La voce cupa e reverenziale di Krause sembra spandersi per tutta la stanza, ma in realtà risuona solo nella mia testa. La connessione delle nostre sinapsi ci permette di comunicare mentalmente in modo il Guardiano possa interagire con me senza dover abbandonare le sue torri di guardia.
“Dimmi pure, Krause.” rispondo senza muovere le labbra.
“Ho rilevato cinque probabili elementi ostili in prossimità di uno dei varchi”
“Aggiornami.”
“Si trovano a circa due chilometri del tredicesimo cerchio, quello che Milord ha posto alla periferia sud-est di Praga. Tre di loro sono adepti dell’Oculus Dei, ne percepisco nettamente il lezzo di arroganza e fanatismo religioso.”
“E gli altri due?” chiedo.
Dopo un breve silenzio il Custode risponde.
“Mi dispiace Milord…non riesco ad identificarli…”
Strano. Penso. Molto strano.
Plasmando il Guardiano l’ho dotato di un reticolo di osmosi selettiva affinché potesse essere a conoscenza di tutti gli individui più o meno graditi alla mia vista.
“Descrivimeli.”
“Entrambi alti, magri calvi e molto chiari di carnagione.” obbedisce “inforcano piccoli occhiali neri a cerchio ed indossano dolcevita grigi e completi grigio scuro con cappotti dello stesso colore. Uno di loro porta sul capo un cappello nero stile borsalino.”
Niente. Effettivamente la relazione di Krause non mi riporta alla mente nessuno di mia conoscenza.
“Nessun –segugio– al seguito?”.
“Nessuno, Milord. Solo i cinque che le ho segnalato.”
L’assenza di segugi (individui “addestrati” per una ricerca mirata) mi conferma che non stiano puntando un bersaglio preciso, ma rimane la curiosità di sapere cosa ci facciano quei buffoni dell’Oculus Dei da quelle parti e soprattutto conoscere l’identità degli sconosciuti che li accompagnano.
“Hai rafforzato l’inviolabilità del Cerchio?”
“E’ stata la prima cosa che ho fatto Milord,” mi rassicura Krause. “E potenziato le difese perimetrali”.
Sono troppo lontani dal Varco per averne percepito la presenza, ma la prudenza non è mai troppa e continuo a chiedermi cosa ci facciano da quelle parti quell’accozzaglia di “pseudo inquisitori, censori e fustigatori” e con quali “individui” abbiano stretto alleanza.
E, in verità, la cosa che mi irrita di più è quella di riuscire ad identificare il loro nuovi compagni di giochi.
“Per il momento sembra che stiano girando a vuoto, Milord: senza un obiettivo preciso e i due uomini in grigio si limitano a guardarsi attorno. Non appena avrò delle novità sarà mia premura informarla.”
“Non ne dubito Guardiano, grazie”.

Spengo il sigaro nel posacenere di cristallo, chiudo il libro che stavo sfogliando poggiandolo con cura sul tavolino accanto alla poltrona e mi alzo stirando le braccia.
-Lemure.- dico a bassa voce e un fruscio gelido mi fa da contraltare.
-Invece di gironzolare inutilmente per la Magione, renditi utile. Contatta Capot e digli che ho bisogno dei suoi servigi…-
Ssssarà fatto” mi sussurra Lemure con suono stridulo “come DunklerLord desssidera!” aggiunge in tono leggermente ironico cercando di fare il verso all’ossequiosità del Guardiano.
-Non tirare troppo la corda, misera tenia spiritica- l’avverto -O mi libero di te con uno schiocco di dita.-

Ora non mi resta che aspettare Capot per dare una risposta ai miei quesiti.

come si dice “Sarà solo un sottile filo di fumo all’orizzonte, ma niente può impedirgli di trasformarsi in un pericoloso incendio”

KRAUSE ÜBERALL – IL GUARDIANO

Krause Überall, il Guardiano dei 30 Cerchi.
30 varchi e snodi disseminati nel globo che permettono di accedere alle mie terre e alla mia Magione; per questo l’ho plasmato con la capacità di essere ovunque in ogni momento.
Per vigilare, impedire o concedere l’accesso alla Dunkler Mansion.
Krause ÜberallCome ho già avuto modo di raccontarvi, ho eretto la Magione su un livello dimensionale sfalsato rispetto a quello in cui viviamo.
La cosa comporta delle varianti: per molti è totalmente invisibile, per alcuni appare come una costruzione colta di sfuggita con la coda dell’occhio mentre si percorre una strada, per altri (ma sono veramente pochi) è chiaramente percepibile nel campo visivo ma questo dipende dalla sensibilità psichica insita in ogni individuo di “sintonizzarsi” con la vibrazione ionica che l’avvolge.
Ad ogni modo cercare di raggiungere i cancelli della Dunkler Mansion è praticamente impossibile e frustrante. Provarci sarebbe come ritrovarsi ad essere delle piccole cavie da laboratorio in un labirinto di vetro senza uscite o peregrinare lungo un sentiero che non giunge mai a destinazione. Più si cammina più la casa sembra lontana.
Decisamente protetta ma non inviolabile.
Per ovvi motivi ho dovuto generare dei varchi e degli snodi che mi permettessero di accedervi (ed uscirne) con comodità ovunque mi trovassi.
Accessi nascosti, invisibili e collocati in luoghi improbabili ma…
Perché c’è sempre un ma.
Esiste la remota possibilità che un ignaro viandante trovi involontariamente una di quelle brecce e decida di avventurarsi al suo interno; oppure qualcuno, intenzionalmente, abbia la conoscenza, la volontà ed il “potere” per scorgerli allo scopo (non sempre benevolo) di violare la mia intimità.

Per questo ho dato vita ed essenza al Guardiano.
A differenza di Sorella Buio e del fastidioso Lemure ospiti già esistenti nella Magione, Krause Überall è stata una mia creazione.
Un homuncolus alto quasi tre metri concepito con una sapiente (consentitemi la falsa modestia) miscela di scienza, alchimia, esoterismo e magia; il tutto abbellito con un leggero tocco di creatività steampunk che spero apprezzerete.
Oltre al dono dell’onnipresenza è un abile ed implacabile combattente con il dono insito di riconoscere gli ospiti sgraditi da quelli ben accetti.
Ad ogni modo, nella remota ipotesi che qualcuno riesca ad avere la meglio su di lui, i varchi sono disseminati di insidie mortali che darebbero del filo da torcere a qualsiasi avversario.

P.S. dubito che il Guardiano si sia accorto della presenza di Hugo (ma si pronuncia Iugo) quando è venuto a farmi visita…quell’uomo non finirà mai di stupirmi.

Art Design    Dunkler Sign

Gothic Storm – Dark Guardian